Un problema ineludibile per la prossima Amministrazione comunale di Oristano: il salto tecnologico nei “Sistemi Informativi”. Di Gianni Pernarella

Sulla necessità per l’Amministrazione comunale di Oristano di un salto tecnologico e quindi per la dotazione di un “Sistema Informativo integrato”, finalizzato al duplice obiettivo della:

efficienza – i cui risvolti si riflettono principalmente, ma non esclusivamente, nel’ambito dell’area decisionale e della gestione operativa interna all’Amministrazione;

Alcune domande sul carbonile localizzato nel Consorzio Industriale di Oristano. Di Giampiero Vargiu e la collaborazione di Maurizio Fanni.

Nei giorni scorsi, con l'intento di avere una visione più precisa delle attività presenti nell'Area del Consorzio Industriale provinciale Oristanese, mi è capitato di arrivare, attratto da quello che mi sembrava un forte odore di zolfo misto a carbone, oltre la Capitaneria di Porto e la Sede del Consorzio Industriale, svoltando a destra, dopo l'ultima curva, sul proseguimento della Via G. Marongiu, poco oltre la IVI Petrolifera, in un lotto recintato, con all'interno dei grandi cumuli di carbone che, visto dall'esterno, sembrava ridotto già in polvere.

Ma quindi, cosa si può fare per amare, finalmente, Oristano?Di Riccardo Scintu

In un post precedente suggerivo che chiunque abbia ruoli di responsabilità nella nostra città dovrebbe, in cuor suo e pubblicamente, sostenere che odia “Oristano per come è” e amarla “per come potrebbe essere”. In questo post elenco le azioni più o meno concrete che ritengo necessarie per cambiare Oristano e renderla davvero una cittadina di cui andare fieri.

Mettere al centro le persone e non i gruppi e le “famiglie”

“Odiare” Oristano: un obbligo morale. Di RiccardoScintu

Recentemente ho letto sulla pagina facebook del Sindaco di Oristano un lungo post nel quale difendeva la propria attività amministrativa e ribadiva, come già fatto in diverse occasioni, l’amore incondizionato per la sua città.

È assolutamente diritto del Sindaco o di qualsiasi amministratore amare la propria comunità, ma nel caso specifico ho ritenuto che proprio non fosse una frase felice.

Anche la sezione strategica del Dup 2019-2021 dimostra l’incapacità di Oristano di cogliere le opportunità presenti nel quadro comunitario, nazionale, regionale. Di Antonio Ladu

Nei prossimi giorni il Consiglio comunale dovrà discutere e approvare Il Documento Unico di Programmazione. Il DUP è un documento fondamentale: è il principale strumento di pianificazione strategica e di programmazione operativa perché deve contenere le analisi, gli indirizzi e gli obiettivi che devono guidare la predisposizione del bilancio di previsione, del piano esecutivo di gestione e la loro successiva gestione.

Il DUP è articolato in due sezioni: la sezione strategica (SeS), e la sezione operativa (SeO).

Primo anno di mandato della Giunta Lutzu: cosa non è stato fatto. Di Antonio Ladu

Nei giorni scorsi il Sindaco di Oristano è intervenuto sui media per riferire sull’attività del primo anno di mandato.

L’intento principale di questo post non è di dare un giudizio su ciò che la Giunta dichiara di aver fatto, ma di rilevare l’assenza non solo del tentativo, ma anche della consapevolezza della necessità che Oristano svolga il suo ruolo all’interno di un quadro provinciale e regionale.

L’intervento del Sindaco si è incentrato, infatti, su un insieme di opere pubbliche puntuali,  a se stanti, fuori da una strategia, interventi e strumenti più generali.

Una proposta concreta “a costo zero o quasi” da realizzare nell’ambito del DUP di Oristano Area Strategica 4 , Missione 14 – Sviluppo economico e competitività. Di Gianni Pernarella

Rileva Riccardo Scintu nella sua analisi del DUP di Oristano,  con riferimento alla Missione 14 – Sviluppo economico e competitività “….non è chiaro in che modo si vogliono promuovere delle azioni di marketing per la valorizzazione dei prodotti locali…”.

Oristano DUP 2018-2020 terzo capitolo – Area Strategica 2. Di Riccardo Scintu

Il Documento Unico di Programmazione (o DUP) è l’atto con il quale le amministrazioni pubbliche declinano le linee di mandato in linee strategiche, indicando le modalità operative per il raggiungimento dei fini proposti.

La costruzione logica del DUP prevede una serie di fuochi progressivi, secondo la seguente articolazione:

Linee di mandato → Linee Strategiche → Obiettivi strategici → Obiettivi operativi.

Il "sogno europeo di una Società Equa e Sostenibile": iniziative e proposte. Di Giampiero Vargiu

Ho già scritto alcuni pezzi su questo tema. L'ultimo aveva il titolo Il "sogno europeo di una Società Equa e Sostenibile". L'Italia.

In quel pezzo richiamavo:

- gli indicatori BES ("Benessere Equo e Sostenibile") presentati dal portavoce dell’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) Enrico Giovannini, da Presidente dell'ISTAT;