Sa Sartiglia. Di Giogio Luciano Pani

Ambito Territoriale

“E si ettada unu bandu, 

Amadu Populu de Aristanis,…

Si fazzat un laudabile giostra,

ovvero Sartilla, tra donnos, donnicellos, lieros

e mannos homines

Sa prova de ispada e de lanza…”

Squilli di trombe e rullio di tamburi

Seguono l’annuncio del banditore.

 

Sa Massaia Manna e  is Massaieddas, 

con gesti rituali di sacralità,

Adornano di preziosi indumenti,

Gelosamente custoditi nel tempo,

Il cavaliere designato dai Gremi 

Tramutandolo in Componidori,

Condottiero dell’amata Sartiglia 

E delle spericolate Pariglie.

 

Sacerdote d’eterna fecondità, 

Esorcizza gli spiriti maligni,

Dispensa pagana benedizione,

Spandendo auspici di prosperità,

Disegna il segno della croce

Stringendo in mano Sa pippia de maiu,

Doppio mazzo di violette mammole. 

 

Il clamore assordante dei tamburi

E gli squilli altissimi di tromba 

Annunciano la discesa dei cavalieri,

Armati con la spada o lo stocco,

Il rullio sempre più frenetico 

Elettrizza e spaventa i cavalli,

Lanciati al galoppo sfrenato 

Sull’umida sabbia tra ali di folla.

 

Orgoglio infinito infilzare 

la stella e sollevarla in trionfo,

Ascoltare la folla in delirio

 che esplode in un boato di gioia.

Passioni, guerre, duelli, folli corse

Si concentrano nella Sartiglia

E nelle evoluzioni delle pariglie,

Rinnovando lo spirito guerriero.

 

La gente sarda tiene vivi nel cuore

 Storia, costumi e tradizioni secolari,

La gloria del Giudicato d’Arborea,

La giustizia della Carta de Logu,

I patimenti del popolo oppresso

Sotto il crudele giogo straniero,

L’eterna fierezza delle origini

 e l’inestirpabile voglia di libertà.

(Giorgio Luciano Pani)

 

Carrasegare

 

Es pittìa sa terra e mannu su chelu 

Tottu pintau de luna e istellas,

Biu de innoi paridi firmamentu 

E movidi su coru a ispantu.

 

In su scuru de sa notti de bentu

Sos ispiritos bussant a sa janna,

Faimì intendi is contus de Mammai,

Faimì torrai pipiu e sonnai biadu.

 

Arribant Mommotti cum kaddos birdes ,

Mamuthones, Merdules, Corriolos 

Beni Nannai faiddusu furriai,

Conta s’istoria de Sardigna nostra.

 

Unu pispisu de attesu fueddat 

“Su tempus andat e no torrada,

Ammentos de antiga balentìa

De genti corriazza, unida, liera.”

 

Meda genti mascarada in sa strada,

Ballos e cantos in sa notti de festa

Abbrusciada Gioldzi in fogu mannu 

Aicci accabbada Carrasecare.

 

(Giorgio Luciano Pani)

 

Aggiungi un commento

HTML ristretto

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Non vengono pubblicati Commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente.