Nozionismo, cultura e opinioni. Di Elisa Dettori

Ambito Territoriale

In un’epoca dominata dalla tecnologia, il nostro modo di pensare e il nostro linguaggio sono fortemente influenzati dall’uso di Internet.

La velocità delle informazioni che passano sul web, unita alla necessità di tenersi sempre aggiornati, ci costringe a letture rapide e superficiali.

I nostri cervelli subiscono passivamente un sovraccarico costante di dati che non riescono a metabolizzare nel modo adeguato. La concentrazione e la riflessione ne risentono, così come la capacità di analisi che permette di sviluppare lo spirito critico.

La possibilità di reperire facilmente notizie, dà a molti l’illusione di conoscere i fatti e di essere pronti a esprimere un’opinione. In realtà non è sempre così. Ricercare le fonti, studiare, ragionare, sono tutte cose che richiedono tempo, fatica e, ammettiamolo pure, un certo grado di resistenza alla noia.

Il riuscire a crearsi un’opinione sui temi più importanti che riguardano la nostra società come, ad esempio, la politica, l’economia, la salute, non può prescindere dal sapere. La sua elaborazione si realizza attraverso una convinzione che matura nel tempo, per mezzo di un’accurata formazione personale, dell’esperienza e della consapevolezza.

In un mondo caratterizzato dalla frenesia, in pochi paiono ancora disposti ad affrontare la lentezza e la pazienza imposte da un rigoroso percorso di apprendimento. I più, si accontentano di essere approssimativi e di far credere agli altri di essere abili ed esperti anche se, in realtà, si limitano sempre e solo a condividere, con un click, delle idee altrui senza riuscire a esprimerne di proprie. Si sono impigriti al punto di non pretendere da loro stessi niente di più che il dichiararsi a favore o contro qualcosa sui social e lo fanno comodamente, senza assumersi la responsabilità di verificare, approfondire e argomentare ma utilizzando, con un dito, una semplice funzione predisposta.

Questo indebolimento mentale, porta spesso a focalizzare l’attenzione su frivolezze o su pareri che non fanno altro che avvalorare ciò che si pensa, senza obbligare alla ricerca di posizioni differenti che consentirebbero un confronto, uno scambio di punti di vista e una visione più ampia delle cose. In questo modo, a lungo andare, si corre il rischio di ritrovarsi con il cervello “atrofizzato” e con esso il pensiero che, ormai ridotto al minimo sforzo, si limita al “vaneggio” e al dileggio.

Ora più che mai, è necessario intraprendere un percorso di costruzione e di rafforzamento del pensiero critico. In questo senso, per le nuove generazioni, gioca un ruolo fondamentale anche l’istruzione di base. Molti insegnanti, per fortuna non tutti, tendono a vedere gli studenti come contenitori da riempire di nozioni e li costringono a una condizione di apprendimento passivo. Soprattutto oggi, sarebbe invece più opportuno aiutarli a sviluppare l’intelletto e a esercitare il proprio raziocinio, insegnando loro ad avere il controllo sulla propria formazione, dotandoli degli strumenti necessari per poter conferire autonomamente un significato a ciò che imparano.

È questo il metodo che consente di privilegiare non il mero nozionismo ma la cultura. Il primo è fine a se stesso, rappresenta la via più semplice per sfoggiare ciò che si sa e per fare una buona impressione sugli interlocutori. La cultura, invece, aiuta a migliorare se stessi e il mondo circostante. La curiosità e la passione per il sapere, valorizzano le esistenze e contribuiscono ad arricchire la società.

La cultura fornisce gli elementi necessari per leggere la realtà che si vive e deve tornare ad essere un valore e un patrimonio di tutti e per tutti. Ognuno di noi può potenziarla con poco, non servono i soldi ma buona volontà e senso di responsabilità. Non è necessario possedere un titolo di studio per informarsi bene su un determinato argomento, è indispensabile solo applicarsi.

E, dopo averlo fatto, vedrete che le opinioni troveranno finalmente un senso e la giusta utilità.

Elisa Dettori

Commenti

Un quadro sul genericismo - fortunatamente non generalizzato - ma massivamente presente nell'odierna società dei "social", che invece di essere utilizzati dalla generalità come modalità di confronto vengono concepiti come luoghi troppo spessi superficiali di genericismi per di più sgrammaticati. Ha ragione Elisa la cultura costa fatica, tempo e senso critico; è quest'ultimo che permette di passare dal "nozionismo" alla conoscenza filtrando con i propri strumenti mentali le ragioni per cui si può essere d'accordo o in disaccordo, ma individuando il fondamento delle ragioni altrui e quelle proprie. Tuttavia questo è il risultato di un sforzo mentale e di una volontà a voler arricchire i propri strumenti critici: terreno in cui effettivamente "la scuola" potrebbe svolgere un ruolo fondamentale, ma non diversamente dalla "famiglia", e alla fin fine è terreno dove il ruolo principe lo svolge l'atteggiamento del singolo individuo verso se stesso e verso la propria crescita.

Sono d'accordo, in particolare, sul passaggio "Ora più che mai, è necessario intraprendere un percorso di costruzione e di rafforzamento del pensiero critico." Con pazienza e con l'impegno continuo, ciascuno di noi può aggiungere un piccolo tassello per costruire una "Comunità Competente".

Pare che oggi i ragazzi siano più interessati alle connessioni tra le cose che alle cose stesse, il che porta a presumere che non ci sia reale conoscenza. Ho il sospetto che quelli della mia generazione (sono nato nel 76) non abbiano strumenti adeguati a valutare l'intelligenza dei ragazzi. Una canzone dei miei tempi diceva... Slowly learning in the life it's ok...
Probabilmente non è più molto attuale. Aspetto sempre di essere sorpreso non da quelli che hanno come aspirazione di partecipare ad un reality ma da quelli che pur essendo figli di questo tempo si vogliono impegnare in qualcosa di utile.

Aggiungi un commento

HTML ristretto

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Non vengono pubblicati Commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente.