Loto di Nicola Spanu

Ambito Territoriale

L’autore, attraverso questa poesia, affronta i temi della „resurrezione“ animica, psichica e umana utilizzando la filosofia buddhista nota come „sutra del loto“ in una precisa ma poetica distorsione onirica e strutturale del „risveglio delle coscienze“.

Fluttuare nel cielo.
Un velo: madre
in cui scivolare
e bere e bagnarsi
nel sonno

disio c’accinge
il flutto pacato:
tenero pargolo;
nascituro,
stroncato
al risveglio
oscuro.

Bevvi l'acqua
dal fango
che nutre: labbra
affondano in breve
sul limi inerti
e liminali incerti;
putredine fresca e
sedimento di cani,
maiali
o altri petali
consunti

sprofondi la sonda:
riscatto
o perdono
non sgorga-
il tuo fare
affondi!
nel dire di madri
mai state figlie
e padri
che ammirano
madri asciutte
ideando loro natura
e fattezze...
rodendosi in vero
di tali certezze

quale fiume
d’altri temporali
dissolvo limacci
e torbe;
e così dispero
il tuo fiorire
a rifiorir dal fango
che cela il tuo sorriso
per nutrire l'anima
sognante
d'un fiore
ingannato
d'immago

Nicola Spanu

Nicola Spanu: pianista autodidatta. Ha studiato perfezionamento durante la propria maturità col maestro del conservatorio di Cagliari Orio Buccellato. Giovanissimo si interessa di scrittura creativa, arti visive e teatro. Attualmente impegnato in studi teorici e pratici per svolgere l’attività di operatore di teatro sociale presso la compagnia CadaDie Teatro di Cagliari.                                                                       (Nicola Spanu 2017)

Aggiungi un commento

HTML ristretto

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Non vengono pubblicati Commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente.