Imperfezione di Michela Ladu

Ambito Territoriale

Nell’occhio del ciclone come termine di paragone;

l’attesa del giudizio che attesta la follia dell’agonia;

suono sordo del riflesso a righe orizzontali, quelle speciali;

morbidamente impacciata scopro un capitolo nascosto dal punto e virgola.

Sguazzo dentro pozzo profondo, luminoso, fresco, argentato dalla luce di Malaluna;

brilla e brillo,

brivido gelato d’ossessivi pensieri leggeri al tatto;

ratto d’amor complesso: avvicinati adesso o resta lì,

io ci sono;

spavento al volo affamato,

effimero pasto pizzicato.

Strisciando, la litania, induce alla gioia sfrenata.

Accusa solitaria, monotona, che si ripete;

uguale a se stessa, cessa al calar della sera,

spero oltremodo che mi sia risparmiata la scena;

tremare a produrre melodie strategiche,

dov’è finito il gelido pozzo?

Perduta, quasi sparita;

ritrovata?

Michela Ladu

 

Video

Commenti

Una scrittura che affascina, anche se spesso criptica. Riflesso speculare di Michela

Aggiungi un commento

HTML ristretto

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Non vengono pubblicati Commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente.