Elezioni regionali. Di Elisa Dettori

Argomento
Ambito Territoriale

Tra pochi mesi si voterà per il rinnovo del Consiglio Regionale della Sardegna. All’interno dei vari partiti - nazionali e regionali - sono state già avviate una serie di riflessioni, con l’intento di studiare una strategia che possa rivelarsi utile al fine di arginare il potere dei rivali in ascesa. Questa fase durerà, però, troppo poco perché possa essere davvero incisiva. In breve tempo sconfitte, mea culpa e buoni propositi, cadranno nel dimenticatoio, perché tutti saranno impegnati in un'interna e intensa “campagna coloniale”, per spartirsi poltrone e zone di influenza.

Arriverà il momento della presentazione delle liste e noterete subito che vi saranno inclusi dei candidati che si presentano da decenni, perché mica possono disperdere il proprio tesoretto di voti, di cui si vantano con i colleghi, rievocando giochi infantili poco edificanti. L'ego non lo consente. Che importa se poi si dovrebbe parlare anche di capacità e concretezza, la cartella della raccolta punti è la cosa principale da esibire, determina i rapporti di forza, unico elemento che, spesso, interessa. Non la testa ma i muscoli, insomma, un po' come accade tra adolescenti.

Il risultato  delle elezioni rispecchierà, presumibilmente, quello delle nazionali a dimostrazione del fatto che non si è capito nulla.

Vorrei dire ai "matusa" della politica che, forse, è giunta l'ora di passare nelle retrovie e di dare spazio ad altri. Nessuno caccia nessuno, sia chiaro, i politici di lungo corso hanno il diritto e il dovere di guidare il ricambio generazionale, consegnando ai posteri il proprio know-how, aiutandoli a crescere e a lavorare bene, affinché non replichino gli errori del passato.

La politica è un gioco di squadra, un impegno che deve essere consentito a tutti, a ogni livello, per il bene delle proprie comunità e del proprio Paese. Non deve rimanere strumento ad appannaggio di pochi. Basta.

Le campagne elettorali basate più sui santini che sui programmi, più su un individuo trainante che sui contenuti, non funzionano più.

Il restare nelle segrete stanze, senza coinvolgere i territori nei processi decisionali e nelle scelte che li riguardano, simulando impegno e interesse solo nel periodo pre-elettorale, non funziona più.

Credere, aprioristicamente, che un partito sia migliore degli altri, nella convinzione che questo sia un assioma inconfutabile in grado di bastare a se stesso, senza doversi assumere l'onere di dimostrare ai cittadini che si lavora per il loro bene, non funziona più.

Pensare di poter fare a meno di moderne e sensate tecniche di marketing politico ed elettorale, negando un'evidente difficoltà di comunicazione e interazione con l'elettore, nella convinzione che nel 2018 basti ancora liquidarlo con un semplice "vota questo, lo conosco", senza la possibilità di un confronto, si è rivelato oltremodo fallimentare. Oggi chi vota vuole sapere più cosa fai che chi sei. Le baronie si stanno estinguendo, le "famiglie elettorali" non esistono più.

Credo che nei diversi partiti ci siano nuove forze in grado di conferirgli dignità e slancio. Ascoltatele e date loro il dovuto spazio.

La società è cambiata. Le sue esigenze sono cambiate. Si impone la necessità del supporto di nuove teste, che siano slegate dalle vecchie logiche e dinamiche di partito, una volta per tutte. È necessario prestare sincero e attento ascolto alle problematiche quotidiane di chi non riesce più a immaginare il proprio futuro. È un obbligo farsi carico delle sue istanze. Ma realmente, non per finta, magari a un mese dal voto.

L’inveterata abitudine del collocamento lavorativo, anche last minute in prossimità dell’apertura dei seggi, è un insulto, non un favore. Non è una soluzione studiata e pianificata per rilanciare l'economia e per migliorare la qualità della vita nel territorio regionale, è solo una toppa che non resiste al primo lavaggio. Ed è anche in grado di ritorcersi contro le migliori intenzioni, se mai ci fossero.

Si può ancora ricostruire. E, proprio ripartendo dalle elezioni regionali, possiamo provare a dare un segnale importante, contro un governo nazionale che sta mostrando tutta la propria inettitudine e, a tratti, pericolosità. Ma in fretta e con metodo. Il tempo sta per scadere e chi ha ancora il coraggio e la forza per lottare, sta cedendo. I risultati elettorali più recenti lo dimostrano chiaramente.

Solo una critica aspra e sincera, capace di affrontare la realtà, può condurre a un'adeguata riorganizzazione dei partiti che deve essere avviata da ciò che realmente li sorregge, dalla loro vera ossatura: la base.

Elisa Dettori

 

 

Commenti

Uno spaccato dell'attuale situazione, severo ma reale. La situazione può essere cambiata solo se l'attuale classe dirigente compie un atto di profonda generosità e aiuta, incondizionatamente, il ricambio generazionale. Sto parlando della vera essenza della Democrazia.

Peccato per l’utilizzo errato del termine “nazione” e “nazionale”. Una giornalista - in modo particolare una giornalista sarda - dovrebbe conoscere la differenza tra “Stato” e “nazione”.

In risposta a di Pietro Ventisette (non verificato)

Pietro non sono una giornalista. Conosco bene la differenza tra Stato e Nazione , infatti, non ne ho nemmeno scritto. E la distinzione tra "partiti nazionali" e "regionali" è perfettamente corretta, non comprendo il suo intervento.

Nel panorama politico Oristanese, in questi ultimi anni, si sono affacciati tanti giovani preparati, volenterosi e vogliosi di mettersi a disposizione per la giusta causa comune. Il problema è che dietro ciascuno di loro, c'è sempre un vecchio marpione, lo dico senza voler offendere nessuno, che difficilmente sarà disposto a lasciargli spazio. Ultimamente però, ho assistito al caso di un giovane che da prima coccolato e viziato dal suo padrino ( per coccolare e viziare intendo elargire incarichi e posto di lavoro a qualche familiare in cambio della totale fedeltà) sapete come è andata a finire? Il giovane, in questo preciso momento, ha scelto altro lido perchè certo di poter continuare a ricevere, lasciando il vecchio marpione con un pugno di mosche.

In risposta a di pina (non verificato)

Il suo intervento è perfettamente calzante e può aprire un altro dibattito, direi anagrafico, sulla questione. La differenza tra politicamente giovani e giovani di età, ad esempio. Il suo racconto, fa luce su un problema reale: ci sono troppi ragazzi pronti a svendere i propri ideali per un personale tornaconto, forse più che tra i politici navigati, ne ho conosciuti tanti, ahimè. Servono nuove teste, nuovi modi di pensare e progettare. Solo un ricambio tra i protagonisti, effettuato con cura, potrebbe aiutare a migliorare la situazione. Si potrebbe aprire un altro capitolo su questo, grazie.

Aggiungi un commento

HTML ristretto

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Non vengono pubblicati Commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente.